Competenza culturale: un punto di svolta nel 21° secolo

L’intelligenza culturale è una delle competenze trasversali chiave necessarie per andare d’accordo con persone di culture diverse. Queste competenze trasversali sono molto vitali per avere successo nel 21° secolo se vivi, lavori e fai affari con persone di culture diverse. wll’opportunità di incontrare, interagire e lavorare con persone diverse arriva la sfida di andare d’accordo e avere successo in ciò che facciamo individualmente e collettivamente. Questa sfida è comprensibile. Si può avere una straordinaria intelligenza sociale quando si tratta di interagire e lavorare con persone che sono all’interno della sua cultura nativa. L’individuo conosce molto bene i costumi, le credenze e gli anatemi. Quindi, andare d’accordo è relativamente facile poiché comunica, interagisce, si comporta e agisce secondo i codici culturali senza offendere ed entrare in incomprensioni e conflitti con gli altri.

Tuttavia, per andare d’accordo e avere successo nel 21° secolo, ci vuole più che avere un QI, un QE e un’intelligenza sociale eccellenti. L’autore di “The Cultural Intelligence Difference” David Livermore ha scritto: Il predittore numero uno del tuo successo nel mondo senza confini di oggi non è il tuo QI, non il tuo curriculum e nemmeno la tua esperienza”. Lui continuò, “È il tuo CQ (Cultural Intelligence), una potente capacità che ha dimostrato di migliorare la tua efficacia lavorando in situazioni culturalmente diverse.”

Purtroppo, molte organizzazioni dipendono ancora solo da QI, EQ e Social Intelligence quando selezionano supervisori e manager. L’autrice di “Cultural Intelligence: CQ: Il vantaggio competitivo per i leader che attraversano i confini”, ha affermato Julia Middleton, Le organizzazioni spesso nominano leader per il loro QI. Poi, anni dopo, licenziali per la loro mancanza di EQ (Intelligenza Emotiva).” Lei ha predetto, “Common Purpose sostiene che in futuro promuoveranno CQ – Cultural Intelligence.

La domanda è: come possiamo aumentare la nostra intelligenza culturale? Come già sai, ci sono migliaia di culture in tutto il mondo ed è difficile sopravvivere, per non parlare di sviluppare la competenza culturale per prosperare in ogni cultura per la quale siamo estranei. Tuttavia, dovremmo iniziare a migliorare la nostra intelligenza culturale da qualche parte. Il posto giusto per iniziare questo viaggio gratificante è comprendere la differenza tra le due principali divisioni culturali nel mondo.

Alcuni esperti di cultura hanno suggerito di dividere le culture del mondo in due categorie principali: culture basate sull’individuo e culture basate sulla comunità. Ad esempio, paesi come USA, Europa, Canada e Australia sono culture basate sull’individuo. Al contrario, paesi come l’Africa, l’Asia e il Sud America sono classificati in culture basate sulla comunità. Naturalmente, ci sono sottoculture ed eccezioni individuali all’interno di ogni cultura nazionale.

Tra i molti parametri utilizzati per mostrare la somiglianza e la differenza tra le due culture principali, mi piacciono i tre parametri suggeriti da Edward Hall:

1 volta,

2. Contesto e

3. Spazio.

Consentitemi di confrontare brevemente le due grandi culture utilizzando i tre indicatori summenzionati. Il tempo è trattato casualmente nelle culture comunitarie mentre è ben organizzato nelle culture basate sull’individuo. Il contesto è alto nelle culture collettive in cui le persone si esprimono implicitamente mentre gli individui nelle culture basate sull’individuo comunicano in modo esplicito e usano prevalentemente la comunicazione verbale. Le persone provenienti da culture comunitarie sono meno territoriali mentre le persone provenienti da culture basate sull’individuo hanno un’alta tendenza a marcare i loro territori.

Come persona che ha vissuto in queste due grandi culture, ho assistito in prima persona a come le persone delle due culture trattano il tempo, comunicano e gestiscono lo spazio in modo diverso. Sono nato e cresciuto in Etiopia, una cultura comunitaria. Poi sono venuto negli Stati Uniti, una cultura basata sull’individuo, nel 2005.

Nella prima fase del mio soggiorno negli Stati Uniti, ho subito uno shock culturale. Per avere successo nella mia nuova casa, ho apportato tanti cambiamenti, incluso il modo in cui tratto il tempo, comunico e mi relaziona. Sono ancora sulla curva di apprendimento, inciampando qua e là di tanto in tanto, il che mi rende umile e aperto all’apprendimento continuo. Permettetemi di condividere con voi alcune storie.

Volta

A casa, arrivare in ritardo è tollerabile. Non importa chi viene prima. Dal momento che la relazione è valutata più del tempo, nessuno di noi fa che arrivare in ritardo sia un grosso problema. Ci sorridiamo e ci abbracciamo affettuosamente e continuiamo la nostra attività.

Qui negli Stati Uniti, arrivare in ritardo al lavoro è considerato un segno di mancanza di professionalità e ha gravi conseguenze. Al di fuori del lavoro, arrivare in ritardo danneggia le relazioni poiché essere in ritardo è percepito come irrispettoso.

Ciò che è interessante è che molti dei miei amici provenienti dall’Etiopia e dall’Africa suddividono il loro tempo qui negli Stati Uniti. Arrivano in tempo quando si tratta del loro lavoro e degli affari formali, ma trattano il tempo con disinvoltura negli incontri sociali. Potresti ricevere un invito che indica a che ora inizia la riunione. A meno che tu non abbia molto tempo libero da dedicare, non arrivi in ​​tempo come indicato nella lettera, nell’e-mail o nel volantino. L’evento potrebbe iniziare con due ore di ritardo.

Ho avuto un compagno di classe nigeriano quando stavo facendo il mio dottorato (2009 – 2013). Ogni volta che dovevamo incontrarci, ci chiedevamo l’un l’altro, è ora africana o americana? Se è l’ora africana, non fissiamo l’ora. Uno di noi potrebbe essere in biblioteca o in una caffetteria a lavorare sui compiti scolastici e l’altra persona si ferma semplicemente entro l’intervallo di tempo concordato. Se è l’ora americana, fissiamo l’ora di inizio e di fine. Veniamo e partiamo in orario.

Contesto

In Etiopia, utilizziamo molto le comunicazioni non verbali. D’altra parte, qui negli Stati Uniti (e in altre culture basate sull’individuo), le persone usano prevalentemente la comunicazione verbale esplicita. Nelle culture comunitarie, se parli esplicitamente di te stesso, dei tuoi risultati, qualifiche, esperienze e bisogni, potresti essere etichettato come egoista ed egoista. Al contrario, se non comunichi verbalmente, in modo esplicito ed esprimi i tuoi bisogni, aspirazioni ed esperienze in una cultura basata sull’individuo, potresti essere considerato un timido che manca di fiducia.

Spazio

Condividevo sempre letto, vestiti e scarpe con i miei parenti e amici. Era normale trovarsi ad andare a casa di un tuo amico, e se piove quando esci, prendi l’ombrello del tuo amico mentre esci senza chiedere il permesso. Se chiedi, offende il tuo ospite. Potrebbe sentire che ti sei allontanato. Non mostra intimità e fratellanza/sorellanza. Negli Stati Uniti, le persone sono consapevoli dei loro spazi. Ci si aspetta che rispetti i confini delle altre persone. Non puoi semplicemente afferrare e prendere le cose di qualcuno senza rischiare di essere considerato maleducato o, peggio, ladro.

Tuttavia, capire la differenza tra i due divari culturali è l’inizio di un lungo viaggio. Abbiamo bisogno di aumentare la nostra intelligenza culturale su base continua. Con una maggiore intelligenza culturale arriva la comprensione da dove vengono le persone e l’astenersi dal giudicare gli altri in base al modo in cui trattano il tempo, comunicano e gestiscono lo spazio.

Per andare d’accordo con persone di culture diverse, dovremmo smettere di trattare la nostra cultura nativa come portabandiera. Non dobbiamo aspettarci che tutti si comportino e agiscano come noi. Tutti noi dovremmo aumentare la nostra intelligenza culturale per vivere e lavorare con successo con persone di culture diverse. Dovremmo anche fare degli sforzi per aiutarci a vicenda a capire le culture degli altri.

Vorrei aver conosciuto queste intuizioni quando sono arrivato per la prima volta negli Stati Uniti. Non avrei pagato molti prezzi. Ciò è particolarmente essenziale se ti sei trasferito di recente in una nuova cultura o hai iniziato a lavorare o fare affari con persone di culture diverse. Ti equipaggia per attraversare le nuove culture senza commettere molte trasgressioni culturali mortali. Naturalmente, quelli di noi che sono stati a lungo in una nuova cultura, potremmo averne la consapevolezza. La domanda è: stiamo lavorando sulla nostra intelligenza culturale in modo coerente e migliorando la nostra competenza culturale per avere successo in quello che facciamo? Spero, questo articolo ti ha ispirato a investire il tuo tempo e le tue energie per lavorare sulla tua competenza culturale e ti ha dato un paio di lezioni utili.

Leave a Comment

Your email address will not be published.