Cosa fare quando il linguaggio aziendale non corrisponde alla cultura aziendale

Abbiamo tutti sentito i migliori leader aziendali proclamare: “Questo è il posto migliore in cui lavorare poiché i nostri leader sono visionari e contribuiranno a spingere la nostra azienda verso il futuro”, oppure “Ci sforziamo di promuovere l’inclusività e la diversità nel nostro posto di lavoro, rendendo siamo un ottimo datore di lavoro, mentre creiamo valore per tutti”, oppure “I nostri leader innovativi sono tra i migliori che troverai nel settore, dimostrando empatia e compassione per tutti i dipendenti, mentre abbracciano la passione per i nostri valori e la nostra missione”.

Eppure, qual è la tua reazione quando leggi questo tipo di dichiarazioni per la tua organizzazione o istituzione? Ti senti subito ispirato, perché riconosci queste qualità all’interno della tua azienda? Oppure consideri le parole come un discorso aziendale, progettato per lusingare e impressionare, senza avere molto peso?

Dal mio periodo nell’istruzione superiore negli ultimi 16 anni, ho trovato pochissime istituzioni accademiche che hanno una cultura aziendale che corrisponda al linguaggio aziendale o alle parole scritte e pubblicate dai suoi leader. Ciò è particolarmente vero per le scuole online a scopo di lucro (e senza scopo di lucro). Quando si tratta di numeri di iscrizione e fidelizzazione, spesso c’è una preoccupazione principale e non è la cultura dell’azienda. Perché altrimenti un’istituzione dovrebbe decidere di valutare il profitto rispetto ai dipendenti e licenziare i dipendenti ad alte prestazioni, in particolare quelli che sono disposti a lavorare sodo?

Capisco che questo è il “mondo in cui viviamo ora” e che “non ci sono garanzie nella vita” e, cosa più importante, “l’occupazione è a volontà”. Eppure trovo sorprendente quando i leader pubblicizzano quanto sia preziosa la loro organizzazione o istituzione, e poi lasciano che la cultura effettiva dell’azienda si deteriori in un luogo in cui nessuno si diverte davvero a lavorare e dove rimane solo per necessità finanziarie. Questo porta a chiedersi quindi cosa fa una persona quando si trova nella posizione di lavorare per un’azienda in cui la cultura è una discrepanza rispetto all’azienda? O dovresti fare qualcosa se questo viene rilevato?

Leadership Puffery in linea

Dove è possibile trovare la maggior parte delle dichiarazioni di leadership, relative all’ambiente di lavoro di un’organizzazione o istituzione, sono online. Per la maggior parte, questo tipo di formulazione viene utilizzato nelle dichiarazioni di pubbliche relazioni e nei post sui social media. Quando pubblicato dagli stessi leader organizzativi o istituzionali, è una forma di puffery progettata per aiutare a elevare la loro sensazione di status, autostima e senso di posizione all’interno del settore. È anche un promemoria per te, come qualcuno nella sua posizione, di ciò che hanno realizzato e quanto sono preziosi, se mai dovessi dimenticare.

Ora, se stai iniziando la tua carriera, potresti trovare questo livello di gonfiamento stimolante, come mezzo per pensare a cosa potresti realizzare nella tua carriera. Potresti non riconoscere la disconnessione tra le parole e la cultura reale, e forse non ce n’è in questo momento. Se le parole corrispondono alla tua organizzazione e al modo in cui opera, credimi, questa è un’azienda con cui vuoi costruire una carriera nel tempo. Ora ho la fortuna di lavorare part-time per un’istituzione accademica che è una B-Corporation certificata, che esemplifica ulteriormente il loro impegno nei confronti dei valori che promuovono. Ma è raro trovare un’istituzione che abbia una cultura che corrisponda alle parole pronunciate dai suoi leader. La maggior parte dei problemi di leadership sarà di natura personale e non correlata a quelle che sono le esigenze dei dipendenti ora.

Prendersi cura (e non preoccuparsi) dei dipendenti

Al centro della questione dell’abbinamento (o non corrispondenza) del linguaggio aziendale con la cultura di un’organizzazione o istituzione c’è la questione di quanto l’azienda si preoccupa (o meno) dei propri dipendenti. Se vuoi davvero sapere quanto la tua azienda si preoccupa o non si preoccupa dei suoi dipendenti, trova i leader della tua azienda sui social media. Innanzitutto, se non riesci a trovarli sui social media, questo potrebbe essere il tuo primo indizio interessante. Quindi, una volta individuati i tuoi leader, prenditi una settimana o due e presta attenzione a ciò che pubblicano. Sono investiti nei loro dipendenti, o i loro posti sono semplicemente gonfi, proclamando le loro virtù e le virtù dei loro leader?

Ecco alcuni esempi: i tuoi leader affrontano onestamente le flessioni? I tuoi leader affronteranno il licenziamento dei dipendenti durante le festività natalizie? I vostri leader affrontano le cattive condizioni di lavoro, quando ci sono problemi noti che vanno avanti da anni e l’azienda ha una cattiva reputazione? In altre parole, ciò che i tuoi leader pubblicano ti dirà molto chiaramente di cosa sono più preoccupati e non ci vorrà molto per determinarlo. Tutte le iniziative di diversità, equità e inclusione nel mondo non potranno mai compensare: #1) una cultura del posto di lavoro che consente ai manager di accendere i gas ai propri dipendenti, #2) dipendenti costretti a lavorare 80 ore settimanali come dipendenti stipendiati , #3) dipendenti che vivono nel timore dei loro manager e #4) dipendenti licenziati per rappresaglia per aver segnalato una cattiva gestione.

Cosa puoi fare quando sei in una cultura lavorativa povera

Siamo chiari: un datore di lavoro crederà sempre di avere il sopravvento in una situazione lavorativa e, per la maggior parte, lo farà. L’occupazione è a volontà nella maggior parte degli stati. Se si segnala un manager, anche con prove, si crederà sempre al manager per un dipendente. Ciò significa che devi andare oltre l’impotenza appresa e prendere il controllo della tua carriera. Capisco che l’economia è impegnativa e per molte carriere, i lavori sono pochi e rari. Ma quello che puoi fare è essere proattivo immediatamente. Se lavori all’interno di una cultura tutt’altro che positiva, ora è il momento di iniziare a sviluppare un altro percorso in avanti. Devi pensare oltre il presente, perché non sai mai quando sarai la prossima vittima. Questa sarà sempre una possibilità quando si lavora in un ambiente negativo.

Se i tuoi leader promuovono valori in linea con la cultura del lavoro in cui ti trovi ora e sei supportato dal tuo manager, allora dovresti sentirti abbastanza sicuro riguardo al tuo lavoro e al tuo domani. Ma se c’è qualche discrepanza tra il discorso aziendale e la cultura aziendale, dovresti avere gli occhi aperti e stare attento. Ho imparato a mie spese a fidarmi di un datore di lavoro, in particolare uno con cui ho iniziato un viaggio molti anni fa, e poi ho aspettato nove anni per lavorare. Avrei dovuto vedere i segni prima del tempo, e tutto ciò che posso fare ora è quello che so fare meglio, aiutare a insegnare agli altri. L’organizzazione o l’istituzione può essere il posto che desideri, ma se la leadership non è focalizzata sui bisogni dei suoi dipendenti, potresti trovarti angosciato, scoraggiato, deluso e alla fine sfollato. Non lasciare che questo accada a te. Presta attenzione alla cultura e all’ambiente in cui ti trovi e assicurati di avere il controllo della tua carriera.

Leave a Comment

Your email address will not be published.