Cultura del caffè nel mondo

Come chiamereste una mattina che non prevede il caffè? Sicuramente non è un buongiorno! Il caffè è stato una parte essenziale dell’inizio della nostra giornata. Non solo, il caffè è una bevanda che resta in voga in ogni momento e con tutte le età. Oggi, diverse caffetterie e persino negozi di tè online stanno aumentando la cultura del caffè e del tè. Tè, caffè e altre bevande in fiore sono diventati parte della nostra vita e nessuno è nuovo a loro. Le caffetterie non sono più pensate solo per il caffè. Diversi caffè e bistrot intorno all’isolato sono punti di incontro e un luogo dove condividere gli ultimi pettegolezzi con i tuoi amici.

La cultura del caffè è fondamentalmente un termine mediatico che è più comunemente usato per un luogo sociale racchiuso in un’atmosfera di caffè e tè tutt’intorno. A causa della popolarità in tutto il mondo, ci sono modi diversi e rituali diversi sul caffè ovunque.

In Asia, alle persone generalmente piace avere un caffè più leggero e dolce rispetto agli altri paesi occidentali. Le caffetterie sono generalmente luoghi di ritrovo e di ritrovo sociale. Il più preferito è il cappuccino. Nel Nord Europa il caffè viene servito alle feste con torte, pasticcini e biscotti fatti in casa. Il caffè in Turchia diventa leggermente diverso. I fagioli sono fini e l’acqua viene fatta bollire circa tre volte e poi messa in una pentola di ottone dal manico lungo. A volte si aggiunge anche cardamomo o zucchero. I francesi di solito bevono il caffè all’inizio della giornata e per i tedeschi è una bevanda per le riunioni sociali.

Ci sono anche confini religiosi associati al caffè e al tè. Religioni diverse hanno cose diverse da dire sul caffè. Nell’Islam, il tè e il caffè sono vietati solo durante il digiuno. Il digiuno dura dall’alba al tramonto e tutti i cibi commestibili, compresa l’acqua, sono proibiti a quell’ora.

Il caffè è vietato ai mormoni. Conosciuti anche come i Santi degli Ultimi Giorni, i seguaci di questa religione proibiscono il caffè perché pensano che blocchi le loro connessioni spirituali. Secondo le Parole di Saggezza, è detto: «Le bevande calde non sono per il corpo o per il ventre» (DeA 89:9). Si interpreta che Joseph Smith si riferisse effettivamente al tè e al caffè perché all’epoca erano le uniche bevande calde disponibili.

Secondo l’avventista del settimo giorno, le opinioni sul caffè sono alquanto contrastanti. In precedenza, lo proibivano poiché in gran parte enfatizzano su una dieta sana. Pertanto, a loro era proibito in quanto contiene caffeina. Tuttavia, questa visione è in qualche modo obsoleta ora e non è più implementata. Tuttavia, dovrebbe essere evitato.

Nell’ebraismo, in realtà, non ci sono problemi con il caffè. Ci sono problemi con il kosher. I problemi kosher derivano da tè e caffè entrambi. Il caffè aromatizzato potrebbe utilizzare aromi diversi, chicchi aromatizzati e sciroppi che non rispondono a tutti i problemi kosher. Lo stesso vale per il caffè decaffeinato in quanto contiene acetato di etile.

I rastafariani sono abbastanza simili agli avventisti del settimo giorno e generalmente sottolineano una dieta sana. Questo genere vieta l’uso di tabacco, alcol, sale, caffè, carne e altri alimenti trasformati. La loro dieta dipende principalmente da cereali, frutta e verdura.

Leave a Comment

Your email address will not be published.