In che modo le convinzioni sanitarie tradizionali cinesi e la cultura cinese influenzano la salute e la malattia?

Le credenze sulla salute tradizionali cinesi adottano una visione olistica che sottolinea l’importanza dei fattori ambientali nell’aumento del rischio di malattie. Secondo Quah (1985), questi fattori influenzano l’equilibrio dell’armonia del corpo, yin e yang. Si tratta di due forze opposte ma complementari e, insieme al qi (energia vitale), controllano l’universo e spiegano la relazione tra le persone e l’ambiente circostante. Lo squilibrio in queste due forze, o nel qi, provoca la malattia.

Al fine di ristabilire l’equilibrio, potrebbero essere necessarie pratiche correttive tradizionali. Ad esempio, l’eccesso di energia “calda” può essere controbilanciata raffreddando le tisane e viceversa. Queste convinzioni sono profondamente radicate tra i cinesi e sono state trovate immutate dopo la migrazione a Singapore.

Lee, et. al. (2004), hanno scoperto che i pazienti con malattie croniche specifiche, in particolare artrite, malattie muscoloscheletriche e ictus, avevano maggiori probabilità di utilizzare la Medicina Tradizionale Cinese (MTC). Ciò è stato fortemente determinato dalla “triade delle malattie croniche”, dalla soddisfazione percepita per l’assistenza e dalle convinzioni culturali sulla salute.

Quindi l’uso della MTC non è associato alla qualità dell’interazione medico-paziente. Astin (1998) ha anche convenuto che era considerato più compatibile con i valori dei pazienti, la filosofia spirituale e religiosa o le credenze riguardanti la natura e il significato della salute e della malattia.

Nella cultura tradizionale cinese, si ritiene che l’assunzione di farmaci sia avversiva, quindi i farmaci tendono ad essere assunti solo fino a quando i sintomi non vengono alleviati e quindi interrotti; se i sintomi non sono evidenti, probabilmente non verranno mai assunti farmaci.

A parte le convinzioni culturali dei genitori, gli effetti collaterali minori di alcuni antibiotici come il mal di stomaco possono contribuire alla scarsa aderenza dei farmaci. L’uso di antibiotici “avanzati”, “condivisi” e l’acquisto da banco di antibiotici da parte dei genitori sono situazioni comuni nella comunità.

Pensano che i loro figli soffrano delle stesse malattie a giudicare dai sintomi simili, quindi darebbero gli antibiotici “avanzati” o “condivisi” ai loro figli e li porterebbero ai loro medici solo se non ci sono miglioramenti (Chang & Tang, 2006 ). Ciò potrebbe causare il deterioramento delle loro condizioni e potrebbe richiedere trattamenti aggressivi in ​​seguito che potrebbero avere effetti collaterali non necessari.

Tuttavia, ci sono piccoli gruppi di cinesi che hanno anche attribuito la cattiva salute o le disgrazie a forze soprannaturali, o alla punizione divina, o alla malevolenza di una “strega” o di uno “stregone” (Helman, 1994). Tali gruppi di solito cercheranno cure dalle loro religioni.

A Singapore, il Ministero della Salute ha redatto il Codice Etico e le Linee Guida Etiche dei praticanti di MTC per impedire a qualsiasi praticante senza scrupoli di depredare i propri pazienti e trarre vantaggio dalle loro convinzioni, ad esempio molestando pazienti ignoranti.

Il grado di acculturazione è stato evidenziato nel caso seguente. Un vecchio è stato portato nel nostro ospedale con una storia lunga una settimana di malessere, nausea e vomito e ittero improvviso. Gli è stata diagnosticata una massa ostruttiva nel fegato.

Una biopsia ha rivelato un carcinoma epatocellulare. Il test sierologico ha suggerito l’epatite B cronica attiva. Quando è stata data a suo figlio la notizia che suo padre aveva un cancro, ha chiesto di non rivelarlo a suo padre.

Quando abbiamo discusso di questioni di fine vita come l’assistenza in hospice e gli ordini di “non rianimare” (DNR), il figlio ha cercato di deviare la discussione su altre questioni come quando suo padre poteva tornare a casa.

Le questioni culturali che possono essere coinvolte in questo caso sono:

I cinesi tendono a proteggere gli anziani dalle cattive notizie.

Credere nel karma – le persone anziane credono che discutere di malattie o morte/morire porti sfortuna. Pensano che parlare di qualcosa di brutto lo farà diventare realtà.

Vi è un’aumentata incidenza di cancro al fegato derivante dall’epatite B a causa del trattamento ritardato negli anziani, poiché potrebbe essere necessario molto tempo prima che accetti la diagnosi iniziale.

Riferimento:

Astin JA. (1998). Perché i pazienti usano la medicina alternativa. J Am Med Assoc 1998; 279: 1548-1553.

Chan, GC & Tang, SF (2006) Conoscenza dei genitori, atteggiamenti e uso di antibiotici per l’infezione acuta del tratto respiratorio superiore nei bambini che frequentano una clinica di assistenza sanitaria primaria in Malesia. Singapore Medical Journal, 47(4):266

Helman, CG (1990) Cultura, salute e malattia. Wright, Londra.

Quah, SR (1985) The Health Belief Model e comportamento sanitario preventivo a Singapore. Scienze sociali e medicina, 21, 351-363.

Lee GBW, Charn TC, Chew ZH e Ng TP. (2004). L’uso della medicina complementare e alternativa nei pazienti con malattie croniche nelle cure primarie è associato alla qualità percepita dell’assistenza e alle convinzioni culturali. Pratica familiare, 21(6): 654-660.

Leave a Comment

Your email address will not be published.