Paesi BRIC – Una panoramica

Il termine BRIC è una forma abbreviata di Brasile, Russia, India e Cina. Si sta discutendo così tanto sui paesi BRIC che ho pensato che dovremmo fare una panoramica di ciò che i paesi BRIC significano nel mondo degli investimenti.

Le economie mondiali hanno visto molti sobbalzi e turbolenze nel recente passato. Questo è il motivo principale per cui i paesi BRIC hanno acquisito importanza agli occhi degli investitori di tutto il mondo. La riduzione dei tassi di crescita economica interna, la riduzione della domanda interna, il calo dei mercati hanno creato gravi minacce alla sopravvivenza degli investitori globali e sono alla ricerca di nuove strade per investire i loro fondi per garantire un buon ritorno sul capitale e anche la sicurezza del loro capitale.

Definizione di BRIC:

Jim O’Neill di Goldman Sachs, capo della Global Economic Research, ha inventato questa forma abbreviata BRIC per Brasile, Russia, India e Cina. Ha definito per la prima volta i paesi BRIC nel suo rapporto sui mercati emergenti nel 2001.

Cosa rende il BRIC diverso dalle altre economie:

Secondo il rapporto BRIC di Jim O’Neill, la ricchezza economica combinata di queste quattro nazioni sarebbe superiore alla ricchezza delle nazioni più ricche entro il 2050. Ad oggi questi quattro paesi presi insieme rappresenterebbero circa il 40% della popolazione mondiale e circa 25 % di terra globale. Questo scenario ottimistico offrirebbe una migliore crescita e sicurezza per gli investitori.

* Il Brasile è il 5° Paese più popoloso del mondo e il 9° PIL più alto del mondo.

* La Russia è al 7° posto nel PIL più alto.

* L’India è il 2° paese più popoloso del mondo e il 4° posto per PIL più alto.

* La Cina è il paese più popoloso del mondo e il secondo PIL più alto. Il 1 ° grado è Stati Uniti.

Secondo il rapporto Goldman Sach, questi quattro paesi avrebbero una crescita sostenuta nei prossimi 40 anni che supererebbe i paesi europei in termini di crescita economica.

Abbiamo assistito a molti alti e bassi nelle economie globali a causa della crisi del credito e di varie bolle create da pratiche commerciali scorrette. I mercati emergenti stanno diventando il paradiso per gli investitori globali grazie alle loro politiche di crescita realistiche e in qualche modo conservatrici.

I paesi BRIC offrono un alto livello di crescita economica con un tasso sostenibile di attività economica che si stima durerà per alcuni decenni a venire. Dato il turbolento scenario del mercato globale, gli investitori sono attratti dalle nazioni BRIC a causa dell’alto tasso di ritorno sull’investimento più un previsto apprezzamento del capitale.

Come Investitore Globale non si può ignorare il potenziale di crescita di questi paesi e qualsiasi investimento in questi paesi garantirebbe un miglioramento della performance del Portafoglio. Ciò ha distolto l’attenzione della maggior parte degli investitori globali dai paesi occidentali verso le nazioni BRIC. Questa attenzione globale aiuterebbe ancora una volta questi paesi a sfruttare le proprie risorse nel modo più ottimale e renderebbe questi mercati più competitivi garantendo una maggiore trasparenza nelle operazioni di mercato.

L’effetto a catena di questo durerà per almeno 3 o 4 decenni a venire e questi paesi diventerebbero un punto focale per gli investitori globali in cui investire.

In sintesi, posso dire che come investitore globale non puoi ignorare l’importanza dei paesi BRIC e puoi confrontare ulteriormente questi paesi tra loro per scoprire qual è il migliore in cui investire per ottimizzare il tuo portafoglio di investimenti.

Leave a Comment

Your email address will not be published.