Riflessione sulla vacanza sugli sci: cannoni da neve e i suoi effetti sull’ambiente

La brezza fredda della stagione invernale e i primi fiocchi di neve mettono fine al tuo conto alla rovescia per la tua vacanza sugli sci più attesa. Tuttavia, i modelli di nevicata sono cambiati a causa del riscaldamento globale, costringendo le stazioni sciistiche a utilizzare mezzi artificiali per creare neve attraverso i cannoni da neve. Le stazioni sciistiche di solito utilizzano questa macchina per creare il primo strato di neve.

I cannoni da neve creano neve combinando acqua raffreddata e aria compressa. L’aria compressa svolge tre funzioni nel processo di innevamento artificiale. In primo luogo, “atomizza” l’acqua o la divide in tante minuscole goccioline. In secondo luogo, soffia le gocce d’acqua nell’aria. Infine, aiuta a raffreddare le goccioline d’acqua mentre volano nell’aria. Durante i giorni più caldi, usano un agente noto come Snowmax, una proteina che fornisce un nucleato per i cristalli di ghiaccio, consentendo il congelamento a temperature intorno ai -3°C.

Sebbene considerati un salvatore per la maggior parte delle stazioni sciistiche, questi cannoni hanno effetti indesiderati sull’ambiente.

Poiché utilizza l’acqua per creare neve artificiale, aumenta il consumo di acqua. Sulla base di un articolo pubblicato su Chamonet.com, si stima che l’innevamento in Francia consuma più acqua che in una città di 170.000 abitanti. Tuttavia, ora ci sono località che utilizzano acque reflue trattate per creare neve invece di acque dolci dalle riserve.

Inoltre, consuma troppa energia. Contribuisce ulteriormente al problema del riscaldamento globale a causa della quantità di produzione di energia che crea. Inoltre, queste macchine contribuiscono all’inquinamento acustico. In effetti, un singolo cannone da neve crea un suono compreso tra 60 e 80 decibel che equivale al rumore creato dal traffico intenso. Questo rumore disturba la fauna selvatica in montagna.

Inoltre, non dimentichiamo che queste macchine utilizzano anche alcuni prodotti chimici per produrre neve artificiale. E quando la neve artificiale si scioglie, i residui di sostanze chimiche provenienti dalla neve possono intaccare la vegetazione.

Inoltre, la neve artificiale è molto più densa della neve naturale, quindi si scioglie molto più tardi della neve naturale, aumentando così il volume dell’acqua disciolta che scorre lungo la montagna, causando l’erosione naturale.

Inoltre, gli additivi chimici utilizzati nella creazione di neve artificiale possono trovare la loro strada nei fiumi che forniscono acqua potabile per i resort.

Anche l’utilizzo delle acque reflue trattate ha sollevato allarmi. Hanno affermato che le sostanze chimiche utilizzate nell’acqua trattata possono causare ulteriori danni all’ambiente.

In conclusione, mentre i cannoni da neve possono aiutare a sostenere le imprese, i suoi effetti dannosi per il nostro ambiente non possono essere ignorati. Quindi, come possiamo noi vacanzieri sugli sci assumere un ruolo attivo nell’aiutare a mantenere viva l’industria dello sci pur essendo responsabili dell’ambiente? Ecco alcuni modi:

  1. Adottare misure per ridurre il consumo di energia. Scollega gli elettrodomestici usati di rado e spegni tutte le luci quando esci dalla stanza. Anche se per ora non possiamo porre fine all’uso dei cannoni da neve, possiamo intraprendere le azioni necessarie per porre fine al cambiamento climatico (e rendere inutili i cannoni da neve nel processo) nel nostro piccolo.
  2. Scegli delle alternative. Quando la neve è scarsa, è giunto il momento di considerare altre attività divertenti che non richiedono neve. Fai sci nautico o escursionismo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.