Tennis da tavolo: uno sport per le pari opportunità

Il ping pong è uno sport praticato da milioni di persone in tutto il mondo. È uno sport inclusivo che può essere praticato da persone di tutte le età e abilità. Se un giocatore può servire e restituire una palla, può giocare. Questo è uno sport che non esclude le persone a causa di una disabilità fisica. Né richiede modifiche significative per rimanere aperti a tutti.

Il ping pong fa parte dei Giochi Paralimpici dal 1960. Il programma è composto da cinque divisioni in sedia a rotelle e cinque divisioni per disabili in piedi. Gli atleti possono qualificarsi per le Paralimpiadi in tre modi. Possono vincere le qualifiche regionali IPTTC nella loro classe di singolo, essere uno dei migliori giocatori classificati a livello internazionale nella loro classe o possono essere selezionati come giocatori jolly.

L’International Table Tennis Committee for the Disabled (ITTC) è nato nel 1976, in un momento in cui non c’erano altre organizzazioni sportive che si rivolgessero alle persone con disabilità. Il Comitato ha cambiato nome nel 2003 in International Paralympic Table Tennis Committee (IPTTC). Nel 1997 l’IPTCC ha creato un sito Web per visualizzare e mantenere classifiche, regole e altre informazioni generali. Stavano ancora una volta aprendo la strada con il loro pensiero poiché questo sito Web è stato il primo del suo genere tra le organizzazioni sportive per disabili. L’IPTCC continua a fare un ottimo lavoro nel fornire informazioni pertinenti alle persone interessate allo sport. Ad oggi, atleti provenienti da più di 100 paesi hanno partecipato a tornei internazionali sanzionati dall’IPTCC.

Ci vuole pratica e pazienza per essere un atleta di livello mondiale, indipendentemente dal fatto che l’atleta sia fisicamente disabile o meno. Gli atleti con disabilità fisiche non si limitano a competere solo contro altri giocatori disabili. Ping-pong è uno sport di equalizzazione. Le persone normodotate e le persone con disabilità fisiche possono competere l’una contro l’altra. Molti giocatori paralimpici competitivi hanno iniziato a praticare questo sport contro amici e familiari normodotati. Sebbene possa essere difficile per i giocatori in sedia a rotelle manovrare le sedie per giocare, questi giocatori imparano ad adattarsi, imparando spesso a giocare in modo efficace un gioco più difensivo.

Gli atleti su sedia a rotelle usano spesso sedie appositamente progettate per fornire stabilità e altezza sufficiente per il giocatore. I regolamenti stabiliscono che i giocatori possono utilizzare i cuscini per scopi di altezza, ma i cuscini possono creare uno scarso equilibrio e influenzare il livello di gioco degli atleti. Gli atleti in piedi utilizzano protesi leggere e ortodonzia che ben si adattano ai movimenti laterali. Gli atleti che non sono in grado di impugnare una racchetta a causa della loro disabilità utilizzano strumenti appositamente predisposti che attaccano la racchetta alla mano. Alcuni atleti scelgono di usare semplicemente una benda per fissare la racchetta alla mano. Queste modifiche non danno loro un vantaggio rispetto a un altro giocatore, ma piuttosto offrono anche il campo di gioco in modo che i giocatori possano competere indipendentemente dalla loro disabilità.

Questo sport può essere mentalmente e fisicamente impegnativo, ma con quella sfida arriva un senso di soddisfazione quando un giocatore sperimenta il successo. I giocatori che si dedicano e si esercitano non solo svilupperanno le abilità necessarie per essere un atleta competitivo, ma acquisiranno anche la sicurezza che deriva dal lavorare per raggiungere un obiettivo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.